Consigli

Escursioni con i bambini a MInorca

Camminare lungo la campagna, addentrasi nei boschi, perlustrare i dirupi e passeggiare a bordo mare, Minorca ha tutta ua serie di posti magnifici da scoprire insieme alla famiglia.

 

Organizzare una escursione con i bambini è una modo geniale per conoscere l’incanto della nostra isola, per stare a contatto con la natura e al contempo per stare tutti uniti. E mentre camminerete, potrete approfittare per giocare a nascondino, indovinare suoni o cercare impronte lungo il sentiero, e così i bambini saranno molto più attenti.

Noi del Royal Son Bou abbiamo selezionato alcune escursioni da fare con i bambini a Minorca :

Dirupo di Algendar

null

Il Camino Real, un’antico sentiero dell’epoca medioevale che veniva percorso con i carri o a cavallo, dalle persone che andavano da Mahon a Ciutadella, passa lungo il dirupo di Algendar. E’ uno dei paesaggi rurali più belli di Minorca.

Sul sentiero ci sono molte leggende che potrai leggere nei cartelli che incontrerai: quella dela Croce di Son Gornés, quella del Pozzo della Perdiz Blanca,... Ognuno di questi cartelli ti suggerisce quali attività potrai fare lungo il percorso, come distiguere le erbe romatiche più comuni che troverai e riconoscerai dal profumo che emanano. I bambini giocheranno crcando di indovinarle tutte.

Ci sono momenti in cui pare che gli alberi si chinino formando un passaggio segreto per farti ombra e le rocce bianche e la parete di pietra delimitano il sentiero fino ad arrivare all’ultima parte, la Salita de na Salema.

E’ imprescindibile fermarsi lungo il sentiero per riposare nella Grotta Reale, anticamente utilizzata dai contadini e cacciatori per ripararsi. Durante la preistoria fu una abitazione e, anche se no è molto grande, è il luogo ideale per sedersi e rinfrescarsi.

In questa parte del Dirupo di Algendar, a Ferreries, i bambini si divertono quando vedono qualche animale che vive da quelle parti. Le tranquille tartarughe che mangiano ai margini del sentiero, gli uccelli rapaci che volano in un modo così elegante che pare galleggino nell’aria e , senza dubbio, le mucche che pascolano nei campi verdi intorno al sentiero.

La Grotta des Coloms

null

Una escursione che sono certo vi sorprenderà è la Grotta d’es Coloms, a Es Migjorn Gran. E’ la grotta naturale più grande di Minorca, misura 24 metri di alteza, 100 di lughezza e 15di larghezza e la si conosce come la Cattedrale. Per i resti archeologici che sono stati trovati, pare che nell’epoca talayótica la grotta ebbe una funzione religiosa o rituale.

Per arrivare alla Grotta d’es Coloms vi raccomandiamo di andare a Santo Tomás e da lì tagliate lungo la spiaggia di Binigaus. Alla fine della spiaggia, troverete degli abbeveratoi in pietra dove si divide il sentiero, da un lato porta a Cala Escorxada e dall’altra, verso destra, vi condurrà dentro il dirupo di Binigaus. Continuando, seguirete un sentiero stretto che passa lungo boschi e finisce dentro il dirupo. Le indicazioni per andarci non sono molto chiare e in molte occasioni sono dipinte sulle rocce. Potrete fare un gioco divertente con i bambini per vedere chi scopre le indicazioni che vi porteranno a destinazione.

Prima di arrivare alla Grotta d’es Coloms, c’è la Grotta de Na Polida, è una grotta dal difficile accesso e non si riesce arrivare fino in fondo, perchè è chiusa per proteggere una famgilia di pipistrelli che ha nidificato lì. Superata questa grotta, a destra, troverete il sentiero che dovrete seguire ed in pochi minuti arriverete alla spettacolare Grotta d’es Coloms.

Curiosamente, Grotta des Coloms significa Grotta delle colombe, dovuto al fatto che c’è un abbeveratoio naturale dove vanno a bere e rinfrescarsi le tortore.

Questa escursione è raccomandata per bambini a partire dai 5/6 annni. Il sentiero non ha grandi difficoltà ma ci sono zone strette e ripide.

E cose ve ne pare se finirete l’escursione con un bel tuffo nella spiaggia di Binigaus?

Il Castello di Santa Àgueda

null

Salire fino al Castello di Santa Àgueda è una escursione adatta a tutta la famiglia. Il castello è situato sulla cima di una collina di 264 metros di altezza e l’accesso è possibile solo ai viandanti.

A circa 3 km da Ferreries in direzione Ciutadella, si trova il Camí dels Alocs, lo si deve percorrere per circa 4km, e finalmente troverete l’accesso per la salita. Per arrivare in cima occorre caminare per circa 1.5 km, e ci si impiega poco meno di mezz’ora.

Il castello è il patrimono più importante dell’epoca islamica. Fu costruito dagli arabi sulle fondamenta di una fortezza dell’epoca romana e nel 1287 divenne l’ultimo punto della resistenza araba, quando l’isola fu invasa da Alfonso III.

Attualmente restano solamente i resti della fortezza, ma vale la pena salire per godere della fatastica vista sulla parte occidentale dell’isola.

Parco Naturale dell’ Albufera de Es Grau

null

Dispone di più di 5000 ettari di campagna, spiagge, lagune, l’isola den Colom, il faro di Favàritx,... una grande area dove scoprire la natura di Minorca e le viste privilegiate. E’ il Parco Naturale de la Albufera di Es Grau, il nucleo della Riserva della Biosfera.

Il centro di reception Rodríguez Femenias, sulla strada da Mahon a Es Grau, propone una piccola esposizione sui differenti ecosistemi del parco. Là potrai ricevere tutte le spiegazioni sui 3 diversi itinerari che puoi scegliere, tutti di facile accesso per poter organizzare una divertente escursione con la famiglia.

Il primo itinerario, Sa Gola, ti porta fino alla spiaggia di Es Grau attraverso un sentiero contornato da grandi alberi. Il mirador, con una impressionante vista della laguna e degli animali che la vivono, è uno delle principali attrazioni. E’ interessante scoprire come, in questa laguna di acqua dolce, viene regolata l’acqua salata in entrata. Lo vedrai dal ponte posto all’inizio dell’itinerario.

Il secondo percorso, Santa Madrona, dispone di vari cartelli in legno lungo la via perchè i bambini possano osservare gli uccelli acquatici senza disturbarli. Un po’ di silenzio e li vedremo giocare nella laguna.

Il terzo itinerario, el Mirador de Cala Llimpa, è uno dei più facili da percorrere e finisce a Punta de na Verda, da dove potrai vedere, in fondo, le bianche case di Es Grau. L’Osservatorio den Biel, una cassetta di legno su cui sono raffigurate tutte le specie di uccelli che abitano la zona, ti permette di vederli dal vivo, nel loro abitat e riconoscerli dalle immagini. Cormorani, anatre dai mille colori, testuggini,... ai bambini piacerà così tanto che vorrano restare lì per lungo tempo.

Saline di Mongofre

null

All’interno del Parco Naturale de la Albufera d’Es Grau ci sono le Saline de Addaia y Mongofre. Due saline risalenti al secolo XIX, separate da una striscia stretta di terra, che sono in disuso dal 1990. E’ una zona di nidificazione degli uccelli, per cui un posto ideale per osservarli.

Per iniziare l’escursione, occorre raggiungere l’urbanizzazione di Addaia e , da lì, seguire le indicazioni del Camí de Cavalls. E’ un percorso facile e pianeggiante di circa 3 km, c’è solamente una discesa ripida che si converte in salita al ritorno.

Durante questa escursione potrete vedere i gabbiani, cicogne, anatre e altri uccelli. E’ importante non urlare e non fare molto rumore, per non spaventare gli animali. Quante differenti specie di animali riuscite a vedere? Un’ idea divertente è quella di portare un quaderno perchè i bambini possano dipingere gli uccelli e gli altri animali man manno che li vedono durante l’escursione; sarà un bel ricordo da portare a casa.

Cave de s’Hostal

Ruta mágica por las Canteras de S'Hostal en Menorca

Questo impresionante luogo, che circa 20 anni fa smise di funzionare come cava, è stato convertito in uno spazio dove si impara come veniva lavorata la pietra di mares tipica di Minorca. I tagli nelle pareti, i giardini botanici, quegli angoli all’ombra degli alberi, il labirinto dove i bambini giocheranno cercando di trovare l’uscita,...

Un percorso ben segnalato ti condurrà lungo i sentieri che sono stati riabilitati. Vedrai il Tótem, una alta scultura di pietra formata dai tagli che i tagliapietre relizzavano e ti fermerai ad ascoltare il suono dell’acqua nel giardino medioevale.

I giardini botanici hanno i nomi di tutte le piante che sono state inserite donando colore ad un paesaggio semplice fatto di pietre bianche e ocra, che sembrano graffiate dal lavoro degli antichi tagliapietre.​

Oltre a visitare le installazioni puoi avvicinarti al Centro di Recupero della Fauna Silvestre che si trova nello stesso recinto.E’ come avere un ospedale per gli animali. Ai bambini piacerà molto vedere come vengono curati e le spiegazioni di tutti gli assistenti che si occupano di loro fino a che non sono guariti e possono tornare nel loro ambiente naturale.

E tra le alte pareti della cava ogni anno vengono organizzate diverse attività culturali: teatro, musica,... dicono che l’acustica sia eccezionale e, inoltre, quando scende il sole, le ombre compongono divertenti figure sui muri.

Escursione a spiaggia

null

E cosa ne dite se combiniamo il sentierismo con la spiaggia? Il tragitto per arrivare ad alcune delle cale più belle di Minorca può diventare una vera e propria escursione, e , dopo una camminata, sarà certamente molto gradevole tuffarsi in mare e trascorrere una giornata in spiaggia.

  • Arrivare a Cala Pregonda dalla spiaggia di Binimel·là è semplice e facile, circa 30 minuti, ma non cè ombra. Cala Pregonda è situata al nord dell’isola e per la sua sabbia dorata, le sue acque trasparenti e gli scogli che escono dal mare è una delle cale più speccatolari di Minorca.
  • Da Cala Galdana si può arrivare a Cala Mitjana da una parte o a Cala Macarella dall’altra. Senza dubbio, sono due tra le spiagge più belle dell’isola, circondate da vegetazione, con un’acqua cristallina e fine sabbia bianca; un autentico paradiso. Sono anche famose perchè sono molto frequentate durante i mesi di luglio e agosto.
  • Verso la zona nord di Ciutadella c’è Cala Pilar, una spiaggia di sabbia dorata e acqua trasparente, circondata da terra argillosa. Per arrivarci dovete prendere un sentiero che si addentra nel bosco.

E’ importate tenere in considerazione che le spiagge vergini non dispongono di alcun servizio, per tanto ricordatevi di portare tutto il necessario.

Per realizzare una qualunque di queste escursioni è sempre molto importante portare con se un’abbontante quantità di acqua, così come protezione solare. E naturalmente, tanto per i bambini come per i più grandi, sono necessarie adeguate calzature per camminare e abiti comodi.

Svegliarsi presto, prendere forze con una abbondante colazione in uno dei nostri due ristoranti e uscire ad esplorare Minorca. Siete pronti per vivere delle autentiche avventure in famiglia?

Continuare a leggere
Cercando articoli…

Share

Ricevi offerte e novità

Ho letto e accetto le politica sulla Privacy