Kiko, la tua guida turistica

Scopri con Kiko i segreti che conservano le misteriose isole di Minorca

​Quando qualcuno dice che Minorca è magica mi vengono in mente antiche leggende misteriose. Quelle che si raccontano a bassa voce e che ci fa stare con gli occhi aperti un po’ increduli e sorpresi. E’ la Minorca della fantasia o della realtà? Ora lo scopriremo insieme perché vi sto per raccontare una storia.

 

Molto tempo fa, molti anni fa, molto vicino al Royal Son Bou Family Club, c’era una piccola città, Sa Canessia. La avete mai vista? No, certamente, perchè fu ingoiata dalle acque del mare che salirono fino ad inondarla completamente. Ma esiste ancora. Sul fondo del mare di Son Bou ci sono ancora dei resti sommersi.

null

Una antica villa di Minorca

E’ vero? Sembra di si. Alcuni archeologi si sono immersi nella zona e dicono che ancora oggi si possono vedere alcune colonne e grandi strade parallele fatte di grandi pietre rettangolari. Dal cielo, a circa 300 metri dalla spiaggia e a circa 15 metri di profondità, si possono vedere le forme di queste rovine. Molte di queste, nel tempo, sono state ricoperte dalle alghe. Sono tutte molto vicine ai resti della Basilica paleocristiana di Son Bou.

  • “Io ho attraversato molti mari e ho alscoltato molte storie relative a città sommerse , ma perchè non conoscevo questa? Chi erano i suoi abitanti? “, dice Hooky.
  • “Dove fuggirono quando la città fu sommersa? Perchè sparirono? Chiede Cuqui con gli occhi sbarrati.

Il Comandante Cousteau a Menorca

Nel secolo XX il famoso investigatore degli oceani, il Comandante Cousteau, venne con la sua barca, il Calypso, e butto l’ancora a Son Bou per poter ispezionare la spiaggia e la città sommersa.

Archeologi come il menorchino Josep Mascaró Pasarius hanno studiato i muri sommersi di de Sa Canessia in quanto sapevano dell’esistenza di questa villa dagli scritti del secolo XVIII.

null

Alcuni giornalisti che stavano realizzando un programma televisivo sulle isole Baleari, si sono immersi nelle acque di Son Bou e hanno fatto diverse riprese sulla struttura di pietra appoggiata in fondo al mare.

Chi di Voi conosce i segreti di Sa Canessia?

Chi viveva a Sa Canessia? Y come vivevano? Nessuno lo sa. Continua ad essere un mistero così come il fenomeno che provoco l’inondazione della villa.

Non posso rispondere alle domande di Cuqui e Hooky perchè queste rovine sommerse nel mare di Son Bou sono state esplorate molto poco. Alcuni dicono che si tratta semplicemente di un “effetto naturale” del fondale.

Ma tutti quelli che si sono immersi in quelle acque hanno visto grandi pietre e sono certi che lì ci fu una città.

Come fu sommersa dal mare? Quando ci fu un fenomeno geologico tanto importante da ingoiare una intera città?

null

Può essere che non lo scopriremo mai, ma nel frattempo, i resti di Sa Canessia dormono tra le acque di Son Bou, nella speranza che vengano alla luce tutti i loro segreti.

Brillanti torri emergono dal mare di Minorca

E’ possibile che ci siano due città sommerse nell’isola? A Ciutadella, la leggenda racconta che nelle notti di luna piena alcuni vecchi pescatori hanno visto dei grandi torrioni sorgere dal mare. La luna si riflette tra loro e si produce un senso di paura e attrazione nei confronti di chi li guarda.

Ma, è solo una leggenda? una storia da raccontare ai bambini? Potrebbe non essere così.

Questa storia racconta di una grande città raggiungibile dalla terra ferma. Molto vicino a Ciutadella c’è una grotta dalle grandi dimensioni con un lago interiore, ricca di stalattiti e stalagmiti. E’ la Grotta di s'Aigo e potrebbe essere l’entrata che porta alla misteriosa città di Parella.

Un tesoro nella laguna

Nel grande lago di questa grotta sono stati recuperati dei resti di ceramica e altri resti in cristallo. Si pensa che fu uno dei nascondigli dei tesori che venivano accumulati dai pirati che qualche secolo fa circumnavigavano Minorca.

Si dice anche che ci sono dei passaggi sotterranei che conducono fino alla città di Parella. Qualcuno ci è mai arrivato? No. O per lo meno non è mai stato raccontato.

La leggenda della città di Parella

Questa leggenda racconta che anticamente un braccio di terra univa le isole di Minorca e Maiorca. Questi terreni furono conquistati dalle forze del male e per questo Dio decise di sommergerli definitivamente sul fondo del mare.

null

I marinai credono che gli abitanti di Parella continuano a vivere sotto il mare. E raccontano che se nel giorno di San Giovanni, il 24 di giugno, sei a Ciutadella e guardi verso ovest potrai vedere la città che emerge dalle acque trasparenti di Minorca. E se ascolti con attenzione, sentirai i suoni delle campane che volteggiano tra i torrioni.

Solo il caso roperà l’incantesimo

La leggenda dice che se per caso 7 donne di nome Juana si ritroveranno sulla riva del marein quel giorno, l’incantesimo di romperà. E la città di Parella risorgerà dalle profondità con tutti suoi abitanti.

  • “Hai mai sentito una volta quelle campane, Hooky?”, chiede Cuqui. “Tu hai navigato molte volte nelle acque di Ciutadella”.
  • “Avevo sentito questa storia ma non ho mai visto le torri o sentito le campane. Che paura! Credo che sarei scappato di corsa”, risponde Hooky.

Bene, ora stanno studiando la Grotta di s'Aigo perchè è molto bella e la apriranno al pubblico così che tutti abbiano l’opportunità di godere di quegli spazi sotterranei naturali. Venite anche Voi con me?

Come potete notare Minorca ha alcune storie così misteriose ed enigmatiche. Tutte sono in parte fantasia e in parte realtà. Un giorno andremo a scoprire i segreti conservati nelle acque profonde dell’isola. Conosci altre storie di Minorca? Quale ti è piaciuta di più?

Continuare a leggere
Cercando articoli…

Share

Ricevi offerte e novità

Inviando accetti per il tutela della privacy