Kiko, la tua guida turistica

In visita con Kiko ai mercatini di Minorca

Oggi è Mercoledì e ho invitato il mio amico Cuqui a visitare il mercatino di Alaior. Sono le ore 7 della sera e l'autobus partirà presto. La fermata è vicino a casa nostra, al Club Kikoland e l'autobus ci porta all’area sportiva della città. Così non ci resta che proseguire sulla stessa strada e incominciare a visitare i banchi degli artigiani dell'isola.

C'è di tutto e propongo a Cuqui di andare lentamente, ma lui si é entusiasmato con i colori delle bancarelle e la musica in piazza. Ha cominciato a ballare preso dalla bella atmosfera creatasi.

Bigiotteria e formaggi di Minorca

Il mercato è distribuito in varie vie nel centro storico di Alaior ed è una bella esposizione dei lavori creati dagli artigiani. Menorca ha avuto un’importante industria di bigiotteria e abbiamo visto idee regalo molto carine. A Cuqui é piaciuto un puzzle in legno con tanti colori. Ci sono vestiti, cappelli, candele che diffondono il profumo di vaniglia per la via, ma improvvisamente, un forte odore salato ha attirato la nostra attenzione; stanno facendo una degustazione di formaggi di Minorca!!!. Questo formaggio ha la denominazione di origine, significa che è un formaggio prodotto sull'isola con latte di mucca. Ne abbiamo assaggiato un pezzettino, che buono! Credo che ne compreremo un po’ per preparare uno spuntino per domani. Inviteremo i nostri amici Hooky, Troglo e Dita.

Avarcas (sandali) colorate

Cuqui mi chiama, ha trovato un posto dove vendono le avarcas, tipiche scarpe Minorchine fatte in pelle molto morbida. Sull'isola ci sono parecchie fabbriche artigianali che producono le avarcas, che un tempo erano utilizzate per lavorare in campagna. Poiché sono molto comode, sono diventate famose ed ora sono utilizzate come sandali estivi. Persino la famiglia reale spagnola li usa!. Prima venivano fatte in tinta unita, ma ora si possono trovare in molti colori e fantasie. E ' difficile fare una scelta, ma alla fine, Cuqui ed io ne abbiamto comprato un paio a sfondo bianco con pesci rossi.

Sentiamo dei bambini che ridono e Cuqui mi fa correre a vedere cosa succede. Nella Plaza des Rams c’è un mago divertente che sembra un pagliaccio perché ha un naso rotondo e rosso e indossa un cappello dello stesso colore. Ha una grande valigia dalla quale estrae oggetti curiosi con cui crea magie.

Cuqui vorrebbe rimanere ma fa caldo e siamo un po 'stanchi così ci siamo seduti in piazza per ascoltare un complesso musicale che canta canzoni note. Vicino, c'è un castello gonfiabile e Cuqui é andato a giocare per un po’ con amici, ma ora dobbiamo assaggiare i dolci di Minorca. In una strada vendono pasticceria dolce e salata tipia dell'isola, "rubiols" di verdura, o di tonno, "cocas" di sopressata o albicocca. Tutto è ottimo così abbiamo comprato da bere e abbiamo cenato proprio qui.

Si fa’ notte e mentre le strade sono piene di gente che passeggia, i negozi di Alaior sono ancora aperti e i bambini corrono nella zona del mercato che è chiusa al traffico automobilistico. Le luci, la musica, i colori, gli odori, ... Cuqui comincia ad avere sonno e così ci dirigiamo verso la fermata dell'autobus che ci porta a casa all'Hotel Royal Son Bou Family Club.

Tante attività divertenti

E 'stato un pomeriggio molto divertente e abbiamo deciso che la prossima settimana andremo al mercatino di Es Castell, precisamente a Cales Fons, un piccolo porto di pescatori vicino a Mahon.

A Minorca vi è una lunga tradizione di mercatini artigianali. Ogni paese dell’isola ha un giorno stabilito per farlo e con l’occasione si programmano varie attività: musica, raccontastorie, ballo, ... C'è sempre molta animazione nelle serate estive e quando il caldo non è più soffocante è bello uscire per fare una passeggiata, mangiare fuori o semplicemente guardare le bancarelle degli artigiani che espongono i loro bei manufatti , in molti casi, tipici dell'isola, come bigiotteria e calzature.

 

Continuare a leggere
Cercando articoli…

Share

Ricevi offerte e novità

Inviando accetti per il tutela della privacy